Costruire una Teca in vetro acrilico
Articolo originale su wikiHow.com

BENE !!!!!
Abbiamo terminato il nostro capolavoro modellistico, ora lo possiamo mettere in bella mostra sulla mensola montata appositamente per "lui"........ Ma potrebbe esserci un prossimo problema da affrontare,

LA POLVERE !!!!! Questa fastidiosissima "cosa" che tutto ricopre....

Dobbiamo difendere il nostro modello dalla polvere e da qualunque altra "minaccia" per la sua incolumitá ...... Come fare ?

Primo caso
Smonto la mensola e compro una vetrina fatta apposta per "lui".
Soluzione ideale ma dispensionsa, e poi, in casa c´é abbastanza spazio per mettere un´altra vetrina ?

Secondo caso
Compro una teca giá fatta.Ma esiste una teca della dimensione che mi serve ? No ??
La faccio fare su misura ! Ma anche questa soluzione potrebbe essere piuttosto dispendiosa.

Terzo caso
LA COSTRUISCO IO !!!! Ma .... come fare ?


Girovando per internet ho trovato questo articolo dove spiega come costruire una teca con il Vetro Acrilico, comunemente conosciuto come Plexiglass o PMMA. Il vetro acrilico é una plastica resistente e trasparente che puó essere utilizzata in molti modi.
Puó essere utilizzato nel bricolage, per la vetratura delle finestre, per la realizzazione di acquari, occorrono peró alcuni accorgimenti per lavorarlo, deve essere incollato con una colla apposita e alcuni semplici strumenti.

1 Decido le dimensioni interne della teca.
Ad esempio io ho bisogno di una teca con una base da 40 x 40 cm alta 46 cm


2 Procuro il vetro acrilico
(ATTENZIONE AI BORDI SONO TAGLIENTI !!!)

In questo caso mi sono rivolto ad un negoziante dove ho fatto pretagliare le facce del cubo che dovró costruire.
Tenendo presente che utilizzo una lastra dallo spessore di 4 mm, ho ordinato:
1 pezzo da 40,8 x 40,8cm
2 pezzi da 40,8 x 46 cm
2 pezzi da 40 x 46 cm

La base la faró in legno da 40 x 40 incollando un bordo, sempre in legno, per sostenere l´acrilico

E´ possibile anche prendere una lastra da tagliare poi a casa.
I pezzi piú sottili si possono incidere con un taglierino e poi spezzare con un colpo secco, ma solo su linee rette. Per spessori da 5/6 mm o piú si puó tagliare con un seghetto o una troncatrice.




3 Di solito l´acrilico viene fornito con delle pellicole di protezione incollate sulla lastra. In questa fase, con il taglierino, tolgo una parte del protettivo da entrambi i lati per liberare la zona dell´incollaggio.

   



4 Prima di provare a unire i pezzi di acrilico, occorre pulire e asciugare bene i pezzi con acqua e sapone neutro. Dopo aver lavato e sciacquato i pezzi, vanno asciugati bene con un panno pulito.
(ATTENZIONE AI BORDI SONO TAGLIENTI !!!)

NON PROVATE A FARE NESSUNA ALTRA LAVORAZIONE. Infatti dopo alcune ricerche (e prove), se si effettua, ad esempio, la levigatura dei bordi ora, verrá fuori un DISASTRO dopo l´incollaggio.


5 Accosto nella posizione in cui devono essere incollati i pezzi. Mi assicuro che siano ben fermi, bloccandoli con del nastro adesivo o dei morsetti, Mi aiuto anche con una dima.

   



6 Applico la colla sulla giuntura evitando le zone dove ho applicato il nastro carta. Il vetro acrilico andrebbe incollato con cloruro di metilene, un tipo di collante apposito. La colla va applicata con una siringa o un pennellino, perché ha la consistenza dell´acqua e funziona sciogliendo l´acrilico



In questa fase é particolarmente importante fare attenzione ed essere precisi e veloci.
Applichiamo una piccola quantitá di collante sulla giuntura tra i 2 pezzi di acrilico. Essendo liquida la colla dovrebbe inserirsi naturalmente, per capillaritá, all´interno della giuntura. Quando tutta la giuntura é ricoperta di colla, hai finito.

•Non provare ad applicare il collante sui due pezzi separatamente e poi pressarli insieme. Il cloruro di metilene si asciuga in pochi secondi, e usare questo metodo rende la giuntura molto debole. Inoltre, cosá facendo aumenta il rischio di far sgocciolare il liquido sulle lastre.


7 Lascio asciugare bene la colla per qualche ora. Quando si é ben seccata, tolgo il nastro adesivo a applico la colla nei punti tralasciati in precedenza.
Il giorno dopo con una carta vetrata molto fine si possono levigare eventuali residui e irregolaritá.
Io ho usato della carta vetrata ad acqua da 1000 e poi ho lucidato con una pasta per togliere i graffi dai fari delle auto.
É possibile lucidare l´acrilico con una fiamma, utilizzando una piccola torcia a gas. Si passa velocemente la fiamma sullo spigolo da lucidare. Il calore scioglie l´acrilico quel tanto che basta per renderlo lucido


Adesso manca solo da togliere il film protettivo dalle lastre e una pulita dalla polvere (utilizzate un prodotto per vetri privo di alcol.).
Et Voilá !!!! La mia teca finita



Una teca fatta in precedenza con qualche piccolo errore .........


Ma adesso .......... il mio modellino é al sicuro !!!!
ATTENZIONE NON STIAMO GIOCANDO, STIAMO UTILIZZANDO PRODOTTI CHIMICI, LASTRE DI VETRO ACRILICO & LAME TAGLIENTI, FIAMME LIBERE, prestiamo la massima attenzione alla sicurezza propria e degli altri
Alessio M.

Nota Importante:
L’autore non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni, diretti o indiretti, che dovessero verificarsi come conseguenza per la costruzione e/o all’utilizzo del progetto/consiglio sopra esposto.